Gli articoli Axioma dedicati alle soluzioni software per l’analisi dei dati.

interconnessione-analytics-raccolta-dati

Interconnessione e Analytics per una raccolta dati 4.0

Ormai siamo tutti a conoscenza del significato di interconnessione tra macchine, persone e risorse in ambito Industria 4.0. L’obiettivo è riuscire a gestire la produzione in modo integrato e in tempo reale per essere più reattivi alle esigenze del mercato ed eliminare le inefficienze.

Nel 2018 gli investimenti in tecnologie digitali si sono concentrati soprattutto in software, IoT e Cloud dimostrando che le imprese italiane hanno intrapreso progetti di digitalizzazione della produzione introducendo software avanzati connessi ai dispositivi, ai macchinari e alle persone.

Va precisato però che, per ottenere la totale efficienza produttiva, introdurre un software e integrarlo ai macchinari non basta. Non dev’essere soltanto un requisito da soddisfare in termini di Industria 4.0, ma deve apportare benefici tangibili attraverso la ridefinizione dei processi organizzativi e produttivi , con la creazione di nuove forme di interazione uomo-macchina dove per “uomo” si intende una figura professionale formata e competente a supporto di queste tecnologie abilitanti.

Cambiare e stravolgere le modalità di organizzazione di processi e persone però non è sempre facile, e noi di Axioma pensiamo che condividere esperienze e casi di successo possa risultare una guida molto efficace per comprendere meglio le tematiche di digitalizzazione e Industria 4.0.

Pertanto, in questo articolo, attraverso un progetto di Industria 4.0 di un nostro cliente, abbiamo deciso di approfondire una tematica sempre più rilevante in ambito manifatturiero: il valore aggiunto di effettuare una raccolta dati in tempo reale.

Integrare i processi aziendali

In un articolo precedente, abbiamo preso come esempio l’esperienza di un nostro cliente leader nel settore della produzione di prodotti in plastica tramite estrusione che, come abbiamo già approfondito, ha caratteristiche particolari che rendono la definizione e il controllo dei costi un’attività molto complessa.

Anche in questo caso l’azienda in questione produce attraverso estrusione prodotti in polietilene, ma la volontà di intraprendere un progetto di questo tipo nasce da un’esigenza diversa: ottenere un flusso costante di dati e informazioni aggiornate sull’avanzamento produttivo.

Il flusso produttivo di questa azienda, infatti, era spesso “bloccato” dall’assenza di una gestione integrata con le diverse linee produttive che rendeva complicata non solo la raccolta di dati affidabili sui consumi, ma anche la verifica immediata dei parametri macchina di ogni impianto.

Attraverso l’introduzione di un software di raccolta dati in tempo reale collegato ai macchinari e al gestionale in uso, l’azienda ha ottenuto i requisiti per diventare una fabbrica intelligente e aumentare l’efficienza produttiva: interconnessione e integrazione dei processi.

Entriamo più nel dettaglio e vediamo insieme come.

 

Come garantire una raccolta dati affidabile?

Avere a disposizione una grande quantità di dati oggi non è un problema.

La vera difficoltà sta nella raccolta e nell’elaborazione di quest’ultimi che molto spesso viene effettuata con strumenti che non sono all’altezza del concetto di Industria 4.0.

Abbiamo pensato tutti alla stessa cosa? Excel. Si tratta sicuramente di uno strumento flessibile, utilizzabile da chiunque e che permette di effettuare calcoli e set di dati in un formato di facile utilizzo e lettura. Tuttavia, nel momento in cui aumentano le vendite e la complessità produttiva, questo strumento diventa un limite allo sviluppo perché non garantisce l’attendibilità e l’affidabilità del dato. File estremamente complessi, con celle evidenziate di colori diversi che indicano qualcosa che solo l’autore è in grado di interpretare.

Questa era la situazione pre-progetto dell’azienda, in un contesto dove:

  • I responsabili di reparto erano costretti a impiegare ore e ore del loro tempo per effettuare la verifica manuale dei dati di produzione che non risultava mai precisa e in linea con gli ordini in attesa di lavorazione.
  • La Direzione non era in grado di definire i consumi e i margini reali di ogni commessa a causa di file con dati poco coerenti e di difficile interpretazione.
  • In caso di imprevisti, la Direzione e i responsabili tecnici non riuscivano ad organizzare velocemente risorse e materiali per mettere in atto azioni correttive e rischedulare il piano produttivo per far fronte alla consegna al cliente per la data prefissata.

Addirittura un guasto a una macchina poteva causare fermi della durata di più giorni perché poteva accadere che l’operaio specializzato non fosse presente in azienda nel momento in cui si verificava il malfunzionamento con conseguenti ritardi e problematiche supplementari.

Insomma, non era possibile monitorare le performance dello stabilimento, risalire velocemente all’origine delle anomalie di produzione e di conseguenza prendere decisioni in breve tempo, perché le informazioni a disposizione erano frammentate e il processo organizzativo confuso e non definito.

La domanda che incentivò la Direzione a intraprendere un progetto Industria 4.0 con Axioma fu: come valorizzare le informazioni che io e miei colleghi abbiamo a disposizione nelle diverse fasi della filiera produttiva e rendere tutto il processo più fluido ed efficiente?

Proviamo a rispondere con i risultati ottenuti a seguito dell’avviamento di questo progetto.

 

Cosa significa introdurre un software di raccolta dati?

Adottare un software di raccolta dati, integrato ai macchinari e al gestionale aziendale significa fornire alla direzione dati precisi e corretti su cui lavorare e che tengono conto di tutte le variabili di produzione (disponibilità dei materiali, utilizzo delle materie prime,..).

È quello che fece l’azienda in questione circa un anno fa, che, grazie al supporto continuo dei consulenti Axioma specializzati in Industria 4.0, ha ottenuto lo scambio di dati automatico e bidirezionale sui parametri di macchina e sul consumo effettivo dei materiali, con un riscontro immediato di tutto ciò che accade durante il ciclo produttivo.

Gli operatori a bordo macchina, in caso di anomalie o eventi perturbativi, ora riescono a ridurre drasticamente i tempi di reazione ottimizzando il processo di consegna. Inoltre, attraverso il modulo Analytics tutti i dati vengono poi archiviati in automatico, creando una base dati statistica valida e costantemente aggiornata per la realizzazione di report e cruscotti specifici.

Avere una grande mole di dati significa anche saperli gestire e con un software di raccolta dati in tempo reale queste operazioni diventano più semplici e sicure.

Naturalmente, un progetto di Industria 4.0 coinvolge più persone e il supporto del fornitore deve essere costante durante tutte le fasi del progetto, per fornire consulenza non solo in merito al funzionamento del software, ma soprattutto sulla ridefinizione e riorganizzazione dei processi produttivi aziendali che molto spesso vengono rivisti e riadattati.

Benefici e risultati raggiunti

Tutti gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti e l’azienda ora può:

  • Effettuare un monitoraggio continuo e in tempo reale della produzione che permette di adattare immediatamente e a costo zero il piano produttivo al verificarsi di qualsiasi evento
  • Lavorare su dati oggettivi, certificati e aggiornati e conoscere con precisione i costi oggettivi di ogni commessa e macchinario
  • Disporre in maniera immediata di report e grafici intuitivi sulle performance di produzione (stato macchinari, scarti, ore lavorate,…) eliminando l’enorme quantità di carta in circolazione nei diversi reparti produttivi.

L’integrazione software-macchinari consente di entrare nel mondo dell’industria 4.0 aumentando la propria competitività e innovazione.

analytics-ERP

Analytics e ERP: binomio strategico

Conoscere le tendenze del mercato, capire la logica e le dinamiche del proprio settore e monitorare tutti i processi aziendali sono passi inevitabili per poter eccellere nel lungo periodo.

Come riuscirci al meglio?

Il segreto sta negli analytics, strumenti indispensabili per rimanere competitivi ad oggi. La Digital Transformation ha il merito di aver portato un progresso tecnologico non indifferente. La qualità del lavoro è migliorata grazie all’ottimizzazione e automazione di molti processi, ma se da un lato ha portato più valore dall’altro ha generato anche maggiore complessità e competitività. A ciò si aggiunge, come fenomeno correlato, la crescente consapevolezza da parte dei clienti stessi, sempre più informati, esigenti e “digitali”.

Di fronte a questo panorama, qual è l’unica strategia che veramente vale, o meglio che è alla base poi di tutte le azioni di marketing? Analizzare scrupolosamente i dati. Lo sapevate che saper gestire nel modo giusto i dati e saperne ricavare della reale conoscenza potrebbe far aumentare le attività commerciali del 60%? (Fonti: McKinsey e MGI)

Il coinvolgimento di tutte le aree aziendali

Nel dettaglio, per il settore industriale gli strumenti di analisi dati sono fondamentali per ottimizzare la supply chain, conoscere costi e tempi impiegati nella produzione dei prodotti, monitorare le prestazioni dei vari macchinari e intervenire in tempo reale per la manutenzione o la risoluzione di determinate problematiche, analizzare i reclami e le segnalazioni dei clienti e comprenderne le cause.

La direzione è l’area che ottiene i benefici più importanti dagli strumenti di Analytics. Il processo di definizione delle strategie aziendali viene reso sempre più lungo e difficoltoso dalla grande mole di informazioni e dati a disposizione. Avere uno strumento che li aggrega e permette alla direzione di interpretarli e analizzarli in modo più semplice e veloce li rende condivisibili tra i vari reparti e graficamente più intuitivi attraverso grafici e report. Se si vuole dare un valore aggiunto ai risultati di lunghe riunioni aumentare il successo delle decisioni aziendali questo è lo strumento adatto.

Non deve mancare l’integrazione

Il valore aggiunto che tale strumento potrebbe dare a un’azienda è tanto; elevato alla potenza se integrato con un’altra soluzione, fondamentale per il funzionamento di tutte le risorse aziendali: l’ERP. Perché? Innanzitutto si investirebbe in un’unica soluzione integrata, e poi adottare un software ERP significa avere tutti i dati aziendali in un unico sistema e già solamente questa caratteristica permette una visione d’insieme, ordinata e in tempo reale che facilita l’analisi e le decisioni da prendere. Questi due aspetti permettono di ottenere maggiore efficienza e un risparmio di tempo non indifferente.

Noi di Axioma ne siamo consapevoli, per questo abbiamo sviluppato Axioma Cloud ERP con oltre 300 funzioni di analytics grafiche e intuitive pensate per la diverse figure professionali che consentono di analizzare i dati di tutti i moduli aziendali con un sistema di “navigabilità circolare”, cioè di estrapolazione delle informazioni più dettagliate a partire da quelle più complesse, per poi poter svolgere analisi storiche, real-time o predittive.

Voi siete a conoscenza del potenziale di uno strumento ERP con funzioni di analytics integrate?

integrare erp crm

Integrare ERP e CRM: quando 1+1=3

In un articolo di settimana scorsa abbiamo cercato di capire se il nostro gestionale si è evoluto nella giusta direzione. Lì abbiamo scritto che uno tra i segnali individuati era proprio la possibilità di integrarlo con nuove soluzioni gestionali.

Prendiamo ad esempio in considerazione l’area vendite, oggetto di attenzione particolare proprio per la sua importanza strategica. Il CRM è naturalmente la soluzione gestionale di riferimento, proprio per la sua funzione di supporto ai processi commerciali.

Ma ora sorge spontanea una domanda: integrare ERP e CRM è obbligatorio? Secondo noi sì, o almeno molto utile, ma la risposta in effetti non è così scontata. Tanti addirittura partono un passo indietro e si chiedono perché adottare un CRM se comunque il gestionale è ricco di funzionalità dedicate alla forza vendita.

Per rispondere a queste domande però dobbiamo prima stabilire qual è il confine tra ERP e CRM, chiarendo a cosa servono.

ERP: fa tanto, ma non tutto

Cominciamo con l’ERP. Il software gestionale, come abbiamo già stabilito nell’articolo precedente, è il cuore di ogni impresa, tant’è che presenta funzionalità per tutte le aree: acquisti, magazzino, amministrazione, finanza e controllo, produzione e sì, anche vendite. Qui vengono raccolti gli ordini, inserite le cifre, codificati i prodotti, emesse le fatture, … insomma, tutto ciò che riguarda il “back office” delle vendite.

È un sistema unico, che permette quindi una gestione integrata dei processi. Possiamo dire che l’ERP svolge infatti il ruolo di motore centrale di un’impresa.

Le sue funzioni però si limitano ad essere “amministrative”. Ma la forza vendita ha bisogno di molto di più, non trovate?

CRM: quello che fa il “lavoro sporco”

Un commerciale al lavoro deve curare molti aspetti che appartengono alla sfera “relazionale”. Deve essere cioè in grado di ascoltare il cliente, capire le sue esigenze, trovare la chiave giusta per proporre la sua offerta, scegliere i momenti e i modi giusti. Lo stesso possiamo dire per chi lavora nel marketing: scegliere i destinatari con determinate caratteristiche, confezionare il messaggio più efficace, cogliere i momenti e i mezzi giusti in cui inviarlo, … non sono cose facilmente automatizzabili.

In tutto questo un CRM deve svolgere il ruolo essenziale di assistente, fornendo gli strumenti e le informazioni per far sì che le persone possano dare il meglio di sé in competenze che un software non potrà mai sostituire. (Qui potete trovare tutto ciò che può fare un CRM)

Un buon CRM inoltre si differenzia da un ERP anche perché è in grado di gestire non solo la fase di ricerca dell’opportunità commerciale e della vendita vera e propria, ma anche il post-vendita. Vi rimandiamo a un nostro articolo precedente per approfondire la fase di customer service.

1+1=3: integrare ERP e CRM fa bene

Torniamo alla domanda da cui siamo partiti: perché dovremmo integrare ERP e CRM? Abbiamo chiarito che svolgono funzioni vicine ma diverse, ma questo non spiega ancora la necessità di integrare. Non abbiamo però ancora parlato di una delle fasi fondamentali del processo commerciale: l’analisi delle performance. Sia alla fine, sia durante la trattativa commerciale o la lead generation è importante misurare i risultati o l’andamento di un determinato evento. Ovviamente più dati ci sono a disposizione, più questi sono organizzati, più questa attività diventa agile e soprattutto utile. E cosa concorre a questo risultato più dell’integrazione tra i due software aziendali più coinvolti? Integrare ERP e CRM infatti significa avere dati coerenti, omogenei e corretti, poiché un sistema “attinge” dall’altro e viceversa.

Per ottenere lo stato risultato senza l’integrazione sarebbe necessario un lungo lavoro di ridigitazione dei dati e delle informazioni da un’applicazione all’altra: una grande perdita di tempo e un rischio di commettere errori fin troppo alto. Con l’integrazione invece tutto avviene in automatico e gli stessi dati che troviamo da un lato li troviamo anche dall’altro.

1+1=3 quindi significa proprio questo, cioè avere non solo i vantaggi delle applicazioni singole, ma ottenere molto di più dalla loro integrazione: la possibilità di avere dati, analisi, report che possono indicare la strategia migliore da seguire.

L’ERP e il CRM di Axioma sono integrabili tra loro ma anche alle soluzioni più diffuse sul mercato. Puoi dare un’occhiata e darci la tua opinione.

come migliorare l'efficienza aziendale

5 punti su come migliorare l’efficienza aziendale

A noi piace partire dai dati. Anche in questo caso infatti siamo partiti dall’Assintel Report e abbiamo analizzato quali sono le priorità di business delle aziende italiane. Dove concentrare i nostri sforzi per capire come migliorare l’efficienza aziendale?

Priorità business 2018 - Assintel

Da questi dati risulta che la prima sfida che le aziende sentono di dover affrontare è quella della fidelizzazione del cliente. Questo dato dimostra che molte imprese sono uscite dalla crisi e quindi ora si possono concentrare su attività volte alla crescita dell’azienda e non solo alla sua sopravvivenza. Di fidelizzazione del cliente e Customer Satisfaction però abbiamo già parlato nel nostro articolo sul Customer Service. Quindi ora ci possiamo dedicare al secondo e terzo posto della classifica, cioè la Riduzione dei costi aziendali e l’Incremento delle produttività del lavoro dei dipendenti.

Entrambe queste tematiche afferiscono direttamente alla sfera dell’efficienza, meta agognata nel pieno della crisi, ma evidentemente ancora attuale per chi ancora non si sente al sicuro.

Come migliorare l’efficienza aziendale quindi?

La aree di intervento possono essere tante e varie, ma noi ci occupiamo di software, quindi abbiamo fatto ciò che ci viene meglio e abbiamo cercato di capire quali sono le possibilità dal punto di vista applicativo. Abbiamo perciò messo insieme alcuni obiettivi parziali che concorrono poi al raggiungimento del goal finale: come migliorare l’efficienza aziendale.

1 Utilizzare software semplici, ovvero non complicarsi inutilmente la vita

Partiamo dal punto all’apparenza più banale: per lavorare di più e in meno tempo dobbiamo avvalerci di strumenti facili da usare. Sembra la più ovvia delle conclusioni, eppure quante volte sentiamo che l’informatica e in generale la tecnologia ci sono nemiche invece di sostenerci? Soprattutto quando si tratta di lavoro e business e quindi si parla di processi complessi che devono essere compiuti sotto la pressione di tempo e obiettivi, si compie l’errore di scegliere soluzioni informatiche senza tenere conto della loro complessità d’uso. Eppure un software è solo un mezzo per raggiungere un obiettivo. Come tale il suo scopo principale non deve essere solo quello di ottenere il risultato, ma anche di farlo nel minore tempo possibile e col minimo sforzo. Vien da sé che un software complicato, poco intuitivo, con la capacità di innervosire chi lo utilizza, manca almeno uno dei suoi obiettivi. Con una soluzione user-friendly invece gli effetti sono immediati: maggiore produttività, minor tempo, minori costi.

Scopri come il configuratore di prodotto concorra a migliorare la produttività aziendale.

2 Mettere a disposizione tutte le informazioni

Vogliamo migliorare l’efficienza dell’azienda, e quindi aumentare la produttività a fronte di una riduzione dei tempi e dei costi. Dobbiamo mettere le persone nelle condizioni di avere sempre disponibili tutte le informazioni di cui ha bisogno. Lasciare che lo scambio di conoscenza avvenga solo attraverso le interazioni personali all’interno dell’azienda è troppo rischioso, se non ottimistico. Pensiamo a un commerciale, ad esempio. Se deve andare in visita da un cliente, è bene che sappia qual è la storia della relazione con lui: banalmente i prodotti che ha già, le offerte che gli sono state già sottoposte, il materiale marketing inviato. Prima di poter recuperare tutte queste informazioni semplicemente chiedendole ai colleghi coinvolti, potrebbe passare troppo tempo, e potrebbe non venire a sapere tutto ciò che gli serve. Spostiamoci dall’area commerciale e facciamo un altro esempio: personale tecnico che deve occuparsi di una richiesta post-vendita di un cliente. Anche in questo caso è importante sapere se aveva inoltrato altre richieste in precedenza, quali sono i prodotti acquistati, se esistono casi simili già risolti in precedenza, …. tutti elementi che potrebbero essere facilmente centralizzati e resi disponibili da un solo software applicativo e quindi raggiungibili in pochi clic.

Un CRM per incrementare la produttività delle vendite

3 Rendere accessibili tutte le funzioni facilmente

Per portare a compimento una determinata attività, ognuno di noi deve utilizzare diverse applicazioni aziendali. Entrare e uscire da queste, avviare nuovi programmi, utilizzare strumenti diversi sono tra le maggiori perdite di tempo per chi sta cercando di compiere un lavoro, lo sappiamo bene tutti. Una figura manageriale che deve ad esempio controllare le performance commerciali di una certa area e poi confrontarle con gli sforzi marketing, dovrebbe entrare e uscire da diverse applicazioni. Come può intervenire una soluzione informatica in questo caso? Raggruppando tutte le funzioni che servono nella stessa applicazione.

3-bis Mettere a disposizione informazioni e funzioni, sempre e ovunque

Questa è una postilla ai due punti precedenti, poiché tratta ancora della disponibilità di informazioni e funzioni, ma aggiunge due variabili: il tempo e lo spazio. Senza addentrarci in tematiche di telelavoro, possiamo però sostenere con sicurezza che l’efficienza aziendale passa inevitabilmente anche dalla possibilità di poter lavorare in qualsiasi posto e momento grazie a una connessione via internet. Chiamate e e-mail da smartphone e tablet hanno fatto la differenza per i lavoratori, ma perché limitarsi a questo? Perché non consentire un pieno utilizzo di un’applicazione software anche fuori dall’ufficio? Chi potrebbe beneficiarne è subito chiaro: dipendenti in trasferta con davanti lunghe ore di viaggio, o personale con la necessità di fornire immediatamente a un cliente il suo preventivo. E queste sono solo alcune delle occasioni in cui può succedere che la disponibilità via web e mobile di un’applicazione possa aumentare l’efficienza di un’azienda.

Come favorire il raggiungimento degli obiettivi aziendali con un CRM

4 Monitorare e analizzare

Non basta agire e mettere le persone in grado di dare il meglio sul lavoro. Arriva un momento in cui è necessario trarre conclusioni per prendere le decisioni migliori sul futuro. Misurare lo sforzo che è costato il raggiungimento di un determinato obiettivo aziendale è fondamentale in un’ottica di attenzione ai costi. E questo genere di analisi va compiuto non solo alla conclusione di un processo, che sia commerciale o produttivo, ma anche durante il processo stesso per effettuare eventuali azioni correttive. Software applicativi in grado di fornire avanzate funzionalità di analisi sono quindi da preferire, proprio per i vantaggi che portano.

Analizzare i dati con l’ERP: ecco quello che serve.

5 Integrare, integrare, integrare

Per ultimo, ma non per importanza, il punto senza il quale la maggior parte dei passi precedenti sarebbero irrealizzabili: utilizzare soluzioni integrate. Innanzi tutto spieghiamo cosa significa: utilizzare applicazioni che “si parlano” tra loro, che attingano cioè una dai dati dell’altra. Questo nella pratica si traduce per prima cosa in dati coerenti, autentico miraggio per tante aziende ancora oggi. Eppure non sarebbe più facile la vita di tutti se il gestionale, il CRM e le soluzioni di gestione della produzione utilizzassero tutti gli stessi codici cliente o codici prodotto? Non sarebbe più breve analizzare ogni mese le performance commerciali se i dati che risultano alla direzione vendite fossero gli stessi che si trovano nell’ERP? Siete d’accordo anche voi che il personale in trasferta potrebbe lavorare meglio, in modo più efficiente, se si basasse su dati affidabili e coerenti in tutti i sistemi, e non validi solo nell’applicazione a cui riesce ad accedere? L’integrazione tra i sistemi renderebbe possibile tutto questo.

Questi sono i punti su cui secondo noi è importante riflettere se ci si sta chiedendo come migliorare l’efficienza aziendale, e anche le caratteristiche sui cui vale la pena investire quando si valuta l’adozione di un software per la propria azienda, che si tratti di gestionale, CRM, CPQ (nel caso di prodotti configurabili) o soluzioni per l’industria 4.0.

Axioma ha tenuto ben presente queste caratteristiche quando ha sviluppato le sue soluzioni, e i suoi clienti hanno ottenuto gli obiettivi di efficienza che cercavano. E nella tua azienda avete tenuto in considerazione gli stessi punti?

Omnichannel

Integrazione tecnologica: la chiave per l’omnichannel

Il fenomeno dell’e-commerce ha portato alla diffusione di una Customer Experience digitale e online a scapito di quella “fisica”. Tale cambiamento ha portato i retailer a trovare soluzioni tecnologiche per offrire ai clienti un servizio efficiente, veloce, automatizzato e soprattutto omnichannel.

Cosa si intende per omnicanalità? Omnicanalità è la parola chiave nelle strategie di marketing attualmente utilizzate per creare valore e rimanda a un’evoluzione di multicanalità, concetto che, fino a poco tempo fa, rappresentava il principale modello di marketing.

Una customer experience omnichannel comporta un’esperienza di consumo omogenea e uniforme da parte del consumatore che acquista utilizzando in modo simultaneo tutti i canali disponibili: PC, punti vendita, smartphone, direct mail etc. La sostanziale differenza dal concetto di multicanalità consiste nella simultaneità con cui i consumatori vogliono procedere all’acquisto.

Multi_Omnichannel

Il consumatore è molto più selettivo e competente, si informa sui prodotti, si reca al negozio per provarli e poi procede all’acquisto online, non a caso si è registrato un incremento dell’e-commerce. Questa è la tendenza del momento, risulta essenziale dunque elaborare strategie che integrino in modo intelligente le due realtà, fisica e digitale.

Per riuscire a creare un’esperienza omnicanale ci sono ovviamente una serie di complessità da affrontare:

  • Prima sfida: integrare le varie parti interne di un’impresa: se infatti un’azienda non comunica al proprio interno, come pensa di riuscire a far parlare i diversi canali?
  • Seconda sfida: creare un’esperienza di consumo efficiente. Molti siti e-Commerce falliscono in poco tempo perché non sono stati in grado di seguire i propri clienti, sia negli acquisti che nelle segnalazioni. Rispondere alle richieste, ascoltare e offrire assistenza nella risoluzione di eventuali problemi è forse la strategia che meglio permette di acquisire e fidelizzare i clienti.

Quindi da dove partire per far fronte a queste complessità e poter offrire un’esperienza di acquisto omnichannel?

Rinnovare la propria struttura IT impiegando soluzioni tra loro comunicanti, integranti e intuitive è il primo passo per poter lavorare su una strategia di marketing omnicanale. Per esempio, solamente adottando una soluzione di CRM integrato a funzioni di analytics, come Axioma Cloud CRM, si possono monitorare e registrare facilmente le attività dei propri contatti, e creare un profilo utenti personalizzato per guidare in maniera più precisa all’acquisto di determinati prodotti. Oppure, vista l’importanza per un’azienda del settore assicurare la varietà di prodotti in qualsiasi punto vendita e canale online, proponiamo anche uno strumento di raccolta ordini B2B per dare una marcia in più alla forza vendita. Raccogliere, inserire e gestire gli ordini via web da diversi canali, avere informazioni sempre aggiornate, evitare perdite di tempo e denaro… questo è quello che puoi fare e ottenere adottando questo tipo di soluzione.

La nostra suite di prodotti non si ferma qui! Per conoscerla, clicca qui!

L’omnichannel rappresenta dunque una nuova frontiera del marketing. A confermarlo un’indagine Neustar, secondo cui il 35% delle aziende utilizza già questa strategia di marketing, e più del 70% pensa sia un elemento strategico e fondamentale per riuscire ad aumentare il proprio fatturato. Voi dove vi collocate?

 

Business Intelligence fashion

Il ruolo della Business Intelligence fashion

La raccolta dei dati e delle informazioni aziendali è diventata un’attività fondamentale in tutte le aziende, indipendentemente dalle dimensioni del proprio business. Nel settore fashion, un’attività di Business Intelligence diventa ancora più importante proprio per le peculiarità del settore. In ogni caso comunque, questo processo però risulta essere molto complicato, soprattutto quando si tratta di dare un senso a tutte le informazioni raccolte.

Una soluzione di Business Intelligence consente di prendere decisioni di business migliori e il suo utilizzo da parte delle aziende è in costante aumento poiché assicura una serie di benefici a lungo termine. Inoltre consente di catturare informazioni in tempo reale attraverso una serie di canali per poter rispondere alle esigenze mutevoli dei clienti.

Business Intelligence: guardiamo i dati

Un’indagine condotta da Forbes Insights e Qlik rivela però che la maggior parte dei professionisti intervistati ritiene che per quanto la BI stia apportando importanti benefici al business, in realtà non viene sfruttata al massimo delle sue potenzialità: solo il 48% degli intervistati infatti ritiene di aver ottenuto tutti i benefici derivanti dall’utilizzo di strumenti di Business Intelligence. Una possibile soluzione, secondo quanto emerge dal sondaggio, è quella di migliorare la governance per garantire risultati coerenti, affidabili e ottimizzati, ma questo prevede l’utilizzo di una soluzione BI che abbia formule e definizioni standardizzate e report di analisi di facile consultazione.

“La governance richiede davvero un buon equilibrio, in grado di assicurare continuità e flessibilità allo stesso tempo” ha dichiarato Mike Saliter, VP di Global Industry Solutions di Qlik. “Non esiste una formula perfetta, ma trovare il giusto livello di amministrazione all’interno della cultura aziendale è una componente fondamentale per sfruttare al meglio le potenzialità della Business Intelligence”.

Business Intelligence fashion: quali sono le peculiarità

Un settore in particolare, quello del fashion, si trova a dover gestire una mole consistente di informazioni e dati relativi all’andamento delle attività svolte e molto spesso risulta difficile organizzarli e centralizzarli per orientare le decisioni aziendali. I dati delle diverse aree aziendali di un’azienda di moda infatti, sono in continuo aggiornamento e sono legati alla velocità delle variazioni di collezioni, cataloghi e stagionalità. Inoltre il mercato dell’e-commerce è in forte crescita e questo comporta una maggior competitività tra i retailers.

Come è possibile prendere decisioni adeguate in un contesto simile?

Adottando uno strumento di analisi dei dati!

Con uno strumento di Business Intelligence fashion è possibile raccogliere dati aziendali, aggregarli, renderli omogenei e coerenti e trasformarli in analisi sotto forma di report, grafici e cruscotti. I risultati saranno ancora più efficienti se questo strumento è progettato proprio per analizzare dati e informazioni relativi ad aziende di abbigliamento, calzature e accessori moda. Una Business Intelligence per il fashion infatti risolve il problema maggiore, e cioè la selezione dei dati: le operazioni che richiedono più tempo e maggior attenzione sono appunto l’identificazione dei dati da utilizzare, la loro pulizia e uniformazione dovendo distinguere i dati più utili da quelli troppo di dettaglio, generando inesattezze e frammentazione delle analisi.

La grande competitività del mercato della moda mette i dirigenti davanti ad una grande sfida: compiere quotidianamente una serie di scelte e decisioni strategiche che devono essere prese in maniera tempestiva ed efficiente. Adottando una soluzione di Business Intelligence fashion queste operazioni saranno molto più semplici e veloci. L’utilizzo di cruscotti e indicatori di performance attraverso grafici e diagrammi permette di avere un’immagine istantanea di ogni tipo di attività in pochi secondi.

La Business Intelligence fashion di Axioma

La soluzione di Business Intelligence per la moda di Axioma è uno strumento in grado di ricavare informazioni e conoscenze essenziali per il processo decisionale, per il controllo dell’impresa e per identificare azioni correttive e strategiche. I dati vengono rappresentati sotto forma di grafici e cruscotti per avere una visione immediata e complessiva dell’andamento aziendale e interrogano tutte le aree aziendali relative all’ufficio stile, marketing e merchandising; pricing e vendite (sell in, sell out, sell through e traffic counter); planning e allocation e magazzino. Una soluzione di Business Intelligence completa pensata per avere tutto sotto controllo.

Vuoi essere un’azienda “IN”? Scegli la Business Intelligence

Il mondo della moda viaggia alla velocità della luce: tra capi oggi reputati “in” e domani “out” e i continui cambiamenti di collezione, per un’azienda del settore diventa una vera e propria sfida stare al passo. Una sfida che però può essere vinta grazie alla Business Intelligence!

Se si pensa alla rapidità con cui cambiano le collezioni, le tendenze, i comportamenti dei consumatori, le molteplici variazioni di design, il settore della moda è forse uno dei più frenetici. Per non parlare poi della forte competizione tra le aziende, fra lotte estenuanti per ridurre i prezzi piuttosto che i tempi di consegna e infiniti altri aspetti da coordinare. Nella complessità generale gestire tutti i processi aziendali diventa complicato, soprattutto se non si hanno gli strumenti adatti.

Un software intuitivo di Business Intelligence diventa essenziale per poter raccogliere tutti i dati, renderli omogenei, aggregarli e trasformarli in analisi strutturate, utili a prevedere e capire l’andamento del mercato e della propria azienda per poi prendere, in tempo, le migliori decisioni.

Una definizione di Business Intelligence

Il termine Business Intelligence è stato introdotto nel 1989 da Howard Dresner, di Gartner Group, e si riferisce alla trasformazioni di dati, strutturati e non, in informazioni utili a orientare le decisioni aziendali. Grazie a questa tecnologia si ha una riorganizzazione dei dati aziendali all’interno un nuovo sistema, il Data Warehouse, che permette di avere una visione storica, real-time e predittiva e una rappresentazione delle informazioni facile e immediata.

bi

Con la soluzione Axioma di Business Intelligence, sviluppata ad hoc per il settore fashion è possibile raccogliere in modo automatizzato tutti i dati inerenti alle varie aree aziendali.

Per esempio, per quanto riguarda l’area vendite è possibile condurre analisi di sell-in, sell-out e sell-through; per quanto concerne il marketing è possibile effettuare analisi per prodotto oppure ancora, in riferimento al magazzino, si possono svolgere indagini sui costi di trasporto. Le possibilità sono varie e vanno a seconda dei bisogni di ogni figura professionale.

I vantaggi di una soluzione BI

  • Interpretazione precisa dei dati e trasformazione di essi in conoscenza. Il dato in sé è ancora un elemento allo stato grezzo e solo con una tecnologia smart come la BI si può elaborare e trasformare in informazione utile, ottimizzando i tempi e avendo la certezza di lavorare e prendere decisioni sulla base di risultati affidabili al 100%

  • Permette di conoscere esattamente quali sono le esigenze e le preferenze dei clienti, informazioni indispensabili che, se unite a un software come un CRM, possono essere strategiche per improntare una comunicazione personalizzata e mirata ai propri contatti e quindi offrire una Customer Experience volta ad acquisire e fidelizzare nuovi clienti

  • Grazie alla rappresentazione immediata dei dati tramite report, analisi e cruscotti, permette di conoscere quale ROI, Return on Investment, si sta producendo oppure l’andamento specifico di tutte le aree aziendali per capire dove e come migliorare.

Oramai non può esserci business senza il supporto degli analytics, a confermarlo anche l’Osservatorio del Politecnico di Milano: “la BI fa ancora la parte del leone in termini di volumi con un valore di 722 milioni di euro”. Di fronte a tale scenario è fondamentale avvalersi di una soluzione di BI che sia intuitiva, di facile usabilità e agile nell’estrarre valore determinante per l’andamento positivo dell’azienda.