Settore industria: quanto è preparato in cybersecurity?

L’inefficacia delle soluzioni di sicurezza informatica costa alle aziende fino a 497.000 dollari l’anno, come spiegare questo incremento?

La quarta rivoluzione industriale ha portato a una maggiore interconnessione tecnologica con la diretta conseguenza dell’evoluzione del cybercrime. È quanto sostiene anche il Rapporto Confindustria 2016 sul Digitale in Italia: “La sicurezza ICT è il prerequisito per liberare tutta la potenza del digitale. L’esternalizzazione dei dati, l’eterogeneità delle fonti informative, la diffusione di oggetti connessi (IoT) e l’utilizzo pervasivo di dispositivi mobili devono infatti accompagnarsi a maggiori capacità di difesa e controllo.”

Per questo motivo è importante diffondere una cultura della prevenzione che possa evitare i disagi causati dagli hacker. Il problema principale che ostacola la generazione di una strategia adeguata in sicurezza IT è il gap tra realtà e la percezione degli incidenti, come afferma la stessa azienda leader in sicurezza IT, Kaspersky Lab. L’indagine sostiene che le aziende industriali siano consapevoli dei rischi che corrono, infatti il 74% degli intervistati si aspetta un attacco informatico ma, nonostante ci sia la consapevolezza, non ci sono le misure preventive adeguate. Nonostante stia avvenendo un cambio di strategia, continuano ancora a esserci troppe vittime cyber, solamente nel corso di due mesi sono avvenuti due degli attacchi più dannosi degli utlimi tempi: WannaCry e ExPetr.

Alcuni dati sulla sicurezza industriale:sicurezza industria

“Diventa quindi necessario avere una visione strategica e piani concreti per tutelare la sicurezza e la privacy dei dati e rispondere ai rapidi mutamenti in ambito digitale. Occorre cambiare paradigma, passando dalla gestione corrente a un approccio di anticipazione delle minacce.” (Rapporto Confindustria 2017)

Da dove iniziare?

  • Primo passo: investire in tecnologie per la cybersecurity, spesa che ancora molti rinviano perché ritenuta troppo costosa. Ma i costi di investimento superano il danno e il disagio che un eventuale attacco IT causerebbe all’azienda? “Per una piccola azienda l’investimento in protezione da cyber attacchi, tra spese iniziali e spese ricorrenti annuali per 5 anni, è pari a 41.450. Un investimento comunque inferiore del 76% rispetto al danno stimato su 5 anni. Per un’azienda di dimensioni maggiori, la spesa sale a 103.650 euro, comunque ancora il 41% in meno rispetto al potenziale danno per lo stesso periodo”
  • Secondo passo: diffondere la corretta informazione e formazione a tutta l’azienda affinché vengano ridotti gli errori umani, una della cause principali per cui un’azienda subisce un attacco informatico
  • Terzo passo: affidarsi a terzi, a esperti tecnologici che possano, attraverso un’attenta analisi, consigliare al meglio quali misure e servizi attuare
  • Quarto passo: continuare a innovarsi e rinnovarsi per non perdere le opportunità che ci stanno dando le nuove tecnologie e la quarta rivoluzione industriale. Il progresso verso sistemi più intelligenti, smart, intuitivi è un evento positivo che non va frenato a causa di un fenomeno che di per sé rappresenta l’altra faccia della medaglia. Axioma vanta una suite di prodotti che rientrano nel piano incentivi Industria 4.0 e che sono stati sviluppati per rispondere alle nuove esigenze: vogliamo continuare a progredire o fermarci per paura di incorrere in nuovi rischi?
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *