email marketing b2b

Email marketing B2B: domande e risposte

Da quando si sono affermati i social, le piattaforme digitali e le applicazioni di messaggistica, si potrebbe pensare che l’email sia diventato uno strumento obsoleto e non più così efficace come qualche anno fa.

In realtà ancora oggi l’email marketing raggiunge ottimi risultati e continua ad essere un canale molto efficace per raggiungere potenziali clienti e instaurare una relazione continuativa con gli attuali.

Abbiamo già approfondito questa tematica in un articolo precedente, dove ci siamo concentrati su quanto sia importante utilizzare strumenti adeguati che permettano di raggiungere il target con messaggi personalizzati e in grado di coinvolgere il destinatario.

In questo articolo abbiamo deciso di metterci dalla parte delle imprese e, attraverso una ricerca di GetResponse in collaborazione con Ascend2, approfondire quali sono gli obiettivi e le sfide per sviluppare una strategia di email marketing efficace.

Vediamo insieme quali domande sono state poste e quali sono le opinioni e le tendenze dei marketers B2B:

1. Quali sono gli obiettivi di una strategia di email marketing?

 

grafico-1

 

Gli obiettivi principali in una strategia di email marketing sono aumentare il coinvolgimento (25%) e aumentare la generazione dei lead (20%). Oggi sappiamo bene che per raggiungere questi obiettivi è necessario inviare comunicazioni accattivanti, con contenuti di valore, per distinguersi dal mercato e destare un interesse concreto.

Per farlo è fondamentale conoscere e profilare il nostro target per individuare le sue esigenze e riuscire ad offrirgli ciò di cui ha bisogno in quel momento.

L’email marketing permette di far acquisire all’azienda informazioni di valore, ad esempio quali prodotti o servizi sono stati apprezzati maggiormente, o quali contenuti hanno funzionato meglio. Utilizzando queste informazioni infatti è possibile migliorare le strategie future e programmare azioni sempre più personalizzate e dirette al target che ci interessa.

 

2. Quali sono le sfide per ottenere una strategia di email marketing di successo?

Questa domanda ci fa capire che raggiungere gli obiettivi del precedente paragrafo non è semplice come sembra.

grafico-2

 

Se aumentare il coinvolgimento è l’obiettivo principale, dall’altra parte risulta essere anche la criticità maggiore.

La capacità di catturare l’attenzione e l’interesse dei destinatari è strettamente legata alla quantità, ma soprattutto alla qualità delle informazioni a nostra disposizione. Ancora prima di pensare ai contenuti, bisogna assicurarsi di avere un database profilato, aggiornato e pulito. La comunicazione “sparata nel mucchio” ormai non produce nessun ritorno, se non quello di essere percepiti come spam.

Se la comunicazione arriva alla persona giusta, si avranno sicuramente più probabilità di destare il suo interesse e di conseguenza aumentare la generazione dei lead e delle conversioni.

Migliorare la qualità del database, tenerlo aggiornato e pulito però, sono attività che impiegano molto tempo e dopo l’invio di una campagna è importante analizzarne i risultati per andare ad aggiornare contatti non più esistenti, registrati male, … Queste operazioni, ritenute a basso valore aggiunto, in realtà sono fondamentali, altrimenti le nostre comunicazioni non raggiungeranno i contatti giusti e saranno inutili.

Da questa ricerca emerge anche che per quelle imprese che hanno sviluppato strategie di email marketing, purtroppo, solo il 18% degli intervistati si è ritenuto molto soddisfatto dei risultati, mentre il restante è consapevole di dover effettuare dei miglioramenti.

3. Qual è la tipologia di comunicazione più efficace?

 

grafico-4

 

A conferma di quanto detto finora, dal grafico emerge che i messaggi personalizzati sono quelli più efficaci (23%).

Raggiungono ottimi risultati anche l’invio di contenuti e offerte per fidelizzare e “coltivare” una relazione con i clienti e i potenziali tali (15%) e l’invio delle classiche newsletter (13%).

Recuperare informazioni sui dati anagrafici, sulle attività pregresse o sulle comunicazioni che il destinatario ha già ricevuto può aiutarci a personalizzare in maniera sempre più precisa i prossimi invii. Ma una volta raccolte queste informazioni, come sfruttarle nel modo giusto?

Un software CRM con funzionalità di email marketing integrate può essere di grande aiuto. L’invio viene effettuato ad un target molto dettagliato, dove oltre alle informazioni di base (dati anagrafici e geografici) si possono segmentare i contatti anche sulla base di informazioni sul settore di appartenenza, attività o appuntamenti commerciali avvenuti in passato.

Utilizzare liste ben profilate e aggiornate è il primo passo per ottenere risultati in termini di conversioni e lead generation. Ma non solo: sono utili anche per intraprendere attività di up selling e cross selling sul parco clienti.

Tuttavia, se effettuata manualmente o con applicazioni non integrate, quanto tempo si impiega nel creare liste di contatti qualificati, impostare l’invio e monitorarne i risultati?

Troppo. Con uno strumento di email marketing integrato ad un CRM, in grado di gestire anagrafiche, profilazioni e campagne, queste attività vengono automatizzate e velocizzate.

Ma il gran vantaggio è quello di visualizzare nella stessa lista ciò che è avvenuto prima e dopo l’invio dell’email.

4. Il budget dedicato all’email marketing sta aumentando?

 

grafico-3

 

Il 63% degli intervistati sta aumentando moderatamente il budget (in termini economici, di tempo e risorse) dedicato allo sviluppo di strategie di email marketing.

Questa percentuale così alta dimostra la volontà da parte delle imprese di investire in strumenti dedicati per eliminare attività time consuming e che non garantiscono informazioni coerenti e corrette. In un articolo precedente abbiamo approfondito le motivazioni delle imprese che ancora non utilizzano un software CRM, ma fortunatamente quest’ultime rimangono una minoranza che evidentemente non ha ancora compreso i benefici di uno strumento di questo tipo.

Il vantaggio di utilizzare un software di email marketing integrato al CRM non è solo quello di disporre di informazioni corrette e aggiornate. L’area vendite può sviluppare nuove opportunità commerciali direttamente dagli esiti della campagna, seguendo un workflow ben preciso e condiviso con tutti i colleghi, e la direzione può monitorare l’andamento delle attività di marketing & sales in pochi passaggi, utilizzando un solo strumento.

E cosa succede a tutte queste attività? Vengono collegate in automatico all’anagrafica del cliente o prospect, in modo tale che chiunque e in qualsiasi momento, consultandola, sappia in quale attività è stato coinvolto.

Inoltre con un software CRM è possibile registrare e gestire in automatico i consensi privacy, senza doversi preoccupare di rimuovere manualmente dagli invii i contatti che non hanno fornito l’autorizzazione e rischiare di non essere conformi alla normativa.

In conclusione, cosa emerge da questi dati?

Che le imprese che lavorano in ambito B2B credono ancora molto nelle capacità dell’email marketing, che se sviluppato secondo una strategia ben precisa e con il supporto tecnologico adeguato può aiutare ad aumentare le vendite e raggiungere gli obiettivi di business.

Vuoi dare una marcia in più alle tue attività di email marketing?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *