Cybersecurity: cosa accadrà nel 2018?

Il Rapporto Clusit sulla sicurezza IT definiva il 2016 “annus horribilis” per la vastità e la dannosità degli attacchi informatici subiti da aziende, infrastrutture e istituzioni, attacchi che però non hanno avuto nulla a che fare con quelli avvenuti nel 2017, che spazza dal podio il 2016 classificandosi come l’anno più catastrofico in assoluto, almeno fino ad ora.

Solamente da gennaio a giugno si sono verificati 571 violazioni, un numero superiore dell’8% rispetto a quello stimato nel 2016. WannaCry è stato il protagonista assoluto della prima parte dell’anno, aprendo la strada a Notpetya e a Bad Rabbit, tre ransomware che sono già entrati nella storia del cybercrime per il numero di vittime e danni causati. Sono stati infatti criptati milioni e milioni di dati che la maggior parte delle vittime – nonostante il pagamento del riscatto – non ha più rivisto.

“Si sono verificati molti casi in cui al pagamento di quanto richiesto non è seguita la fornitura della chiave necessaria alla decodifica dei dati. Alcune volte per problemi tecnici, altre volte per scarsa serietà dei criminali. Addirittura, però, si stanno diffondendo minacce che cancellano i file definitivamente, sostituendoli con finti file crittografati in modo da chiedere il riscatto ben sapendo che non restituiranno mai il maltolto.” (Rapporto Clusit 2017)

Le dinamiche con cui attaccano sono molto più sofisticate e malevole rispetto al 2016. Se prima esistevano diversi espedienti per recuperare i dati, ora le possibilità di decriptarli sono pari a zero.

Il risultato è che i cyber criminali si stanno specializzando sempre di più in crittografia e la situazione che si presenta è sempre più una vera e propria emergenza che non va più rimandata ma affrontata con determinazione.

“Quello che ci resta adesso sono malware estremamente ben costruiti, robusti e quasi impossibili da violare a meno di errori da parte di chi li produce” (Rapporto Clusit 2017)

Le istituzioni si sono già messe in moto con diversi provvedimenti a favore della tutela dei dati sensibili, come la nuova normativa GDPR e l’approvazione del nuovo decreto che dà il via e le risorse necessarie al CERT (squadra per la risposta a emergenze informatiche) per attuare le misure necessarie per fronteggiare efficientemente le nuove minacce informatiche.

Ma le aziende come si stanno comportando? Non si può non dire che ci sia stato un incremento delle attività e investimenti con lo scopo di aumentare le difese, ma non si può nemmeno affermare che questo sia sufficiente perché purtroppo esiste ancora una grande fetta di aziende, soprattutto piccole-medie, che trattano il problema superficialmente.

Sono comunque da riconoscere e sottolineare i passi fatti avanti fino ad ora per diffondere una conoscenza comune. Molte aziende hanno infatti iniziato a denunciare pubblicamente gli attacchi subiti, una denuncia non facile da fare perché essere messi sotto scacco non contribuisce affatto a dare un’immagine positiva all’azienda, anzi ne va da sé che danneggia non solo l’economia ma anche la reputazione aziendale, l’elemento più significativo e importante su cui contare e puntare per poter continuare a creare valore e rimanere competitivi. Dall’altro lato però questa denuncia la si può vedere, e va a mio parere assolutamente vista, come un esempio per fare in modo che altri non commettano gli stessi errori di superficialità.

“Conoscere i loro metodi aiuta a prevenire, individuare e rispondere ai potenziali attacchi.” (Rapporto Clusit 2017)

Dal punto di vista tecnico e tecnologico, sappiamo tutti benissimo che alla base delle policy di sicurezza IT ci deve essere un antivirus valido e un servizio di backup all’avanguardia, queste dovrebbero essere misure di sicurezza basilari (e scontate). Ci sono però altre soluzioni che, se sfruttate intelligentemente, potrebbero essere molto efficaci nella prevenzione, mi riferisco alle tecnologie cognitive che permettono di effettuare un pre-screening dei dati da analizzare attraverso tecniche di machine learning, “migliorando sostanzialmente non soltanto la capacità di prevenire un attacco, ma soprattutto il time-to-discovery e il tempo di reazione a un data breach”.

Con un fornitore tecnologico esperto al proprio fianco, che sappia indicare quali strategie e soluzioni adeguare ai vostri sistemi, la strada verso l’adozione di nuovi strumenti sarà meno in salita. Se pensate di non avere gli strumenti adeguati forse dovreste provvedere a inserirli nella lista dei buoni propositi per il 2018.

A proposito, cosa ci attenderà nell’anno nuovo? Gli esperti prevedono un aumento del rischio IT ma dall’altro lato anche un incremento delle misure intraprese per proteggere i propri sistemi e dati. Vediamo allora nel dettaglio quali saranno i trend e gli eventi che caratterizzeranno, sia in negativo che positivo, l’anno che verrà!

  • Truffe informatiche in aumento: tutto il mondo è interconnesso e soprattutto tutti comunichiamo attraverso e-mail almeno una volta al giorno. Questo comporta una maggiore possibilità per gli hacker di accedere ai nostri dati tramite il download di falsi allegati o immagini che in realtà nascondono virus

  • Dispositivi IoT sempre più a rischio: è aumentato l’uso di dispositivi IoT, sia per quanto riguarda l’ambiente domestico che aziendale, con la diretta conseguenza che accedere ai sistemi diventa più facile per gli hacker, soprattutto per il fatto che ancora molti dispositivi non sono abbastanza sicuri. Nel 2018 si dovrà quindi prestare molta attenzione e impiegare misure di sicurezza più solide e mirate.

  • Impostazioni per la privacy più restrittive: anche se la maggior parte delle operazioni si svolge online, gli utenti rimangono restii a rilasciare le proprie informazioni e dati sensibili. C’è però una buona notizia: dal 2018 i browser saranno impostati per permettere più tutela e sicurezza, per esempio non permettendo il tracciamento dell’utente.

  • Algoritmi intelligenti: gli attacchi informatici sono talmente evoluti da riuscire a mettere in crisi molti antivirus, per questo motivo i nuovi sistemi saranno provvisti di algoritmi intelligenti dotati di apprendimento automatico che permetteranno di individuare più facilmente le nuove minacce

  • Pagamenti online sempre più sicuri: con l’incremento dello shopping online e dell’eCommerce, è aumentato anche il rischio di incorrere in minacce informatiche al momento del pagamento online. Per questo si sta provvedendo a creare sistemi di pagamento sempre più sicuri.

Queste sono solamente alcune delle previsioni per il 2018, un anno che gli esperti ritengono sarà particolarmente negativo in termini di cyber risk, dopo tutto siamo sempre più connessi e interconnessi. Le istituzioni stanno comunque facendo dei passi in avanti per tutelare maggiormente la sicurezza IT, la differenza però potremmo farla uniti se tutti ci impegnassimo a condividere informazione e conoscenza con l’obiettivo di ridurre i casi di violazione informatica.

Aumentare le misure di sicurezza IT è anche fra i vostri buoni propositi per il 2018?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *